procida

Procida e il suo legame con Monte di Procida

Procida misura appena 4 chilometri quadrati e si visita agevolmente nell’arco di un weekend. Quest’isoletta flegrea, che ha solo di recente conosciuto il turismo balneare più frenetico, vanta tanti luoghi d’interesse dispersi sul suo piccolo perimetro. Inoltre, l’isola più piccola del Golfo di Napoli, è anche stata scelta come capitale italiana della cultura 2022. Scopriamo insieme le sue meraviglie e il legame con Monte di Procida.

L’isola di Procida

Procida è una vera e propria gemma del Mediterraneo, di cui conserva le tipiche strutture architettoniche. Nonostante abbia cominciato a sfruttare una proficua attività turistica solo in tempi relativamente recenti, l’isola non ha perso la sua vocazione prettamente marinara. Sono ancora i mestieri del mare, infatti, che sostentano l’economia procidana.

La vista da Terra Murata

Terra Murata è un’antica fortezza difensiva che presenta un panorama unico, da togliere il fiato. Con vista sulla Corricella, essa rappresenta uno dei luoghi isolani più affascinanti da visitare. Una volta scesi dalla roccaforte, poi, ci sono due luoghi di culto religioso molto importanti per Procida: il Monastero di Santa Margherita e il Santuario di Santa Maria delle Grazie.

La Corricella

È il borgo marinaro più antico e caratteristico di Procida. Una ripida discesa dà accesso ad uno dei luoghi più belli dell’isola e tra i più suggestivi di tutto il Mediterraneo. Qui troverete le scene tipiche di una vita vissuta in simbiosi con il mare. Ad incorniciare lo splendido scenario del villaggio di pescatori, vi è una rete di abitazioni coloratissime, viuzze e scalinate nascoste; e poi bar, ristorantini e negozietti tipici, che vi faranno immergere nell’accogliente atmosfera procidana.

I musei

Procida è piccola, ma riesce ad offrire molto più che il solo turismo balneare. Qui, infatti, si trovano anche il Museo del mare, dedicato all’elemento su cui l’isola fonda tutta la sua vita, e il complesso museale dell’Abbazia, dove sono custoditi importanti cimeli della storia dell’arte napoletana e molto altro.

Giro in kayak

Procida è talmente concentrata che la si può visitare tutta in kayak! Un’esperienza singolare, grazie alla quale approcciarsi all’isola da un punto di vista totalmente unico: ogni caletta, ogni scorcio e ogni spiaggia non potranno sfuggire ad un’escursione marittima. Infine, si può facilmente raggiungere anche la vicinissima Vivara. Si tratta di un isolotto situato nel cuore del Golfo di Napoli e momentaneamente non attraccabile. Tuttavia, la sua natura incontaminata emana fascino anche solo da lontano.

Procida, l’isola del cinema

 


Grazie alle sue bellezze naturali, Procida è stata scelta da numerosi registi come set cinematografico. Tra le pellicole italiane più celebri che vedono l’isola come sfondo delle proprie scene, va sicuramente menzionato “Il Postino” (1994), di cui il compianto Massimo Troisi è stato protagonista e co-regista.

 

Monte di Procida

Monte di Procida è separata dall’omonima isola tramite un breve tratto di mare (Canale di Procida). Si tratta di un’affascinante insenatura, caratterizzata da un paesaggio unico con viste senza pari. Grazie alla sua privilegiata posizione geografica come parte più estrema della penisola flegrea, da Monte di Procida è possibile volgere lo sguardo su tutto il golfo e sulle isole.

 

Una storia antichissima

Le origini di Monte di Procida affondano le radici nelle invasioni degli antichissimi popoli indoeuropei. Gli Opici invasero Miseno e Cuma, prendendone possesso e costruendo nuclei abitativi nell’intera zona dei Campi Flegrei. Nel frattempo, la posizione strategica dell’area fece sì che queste città diventassero gli snodi principali per i commerci nel Tirreno insieme alla vicina Monte. Durante il periodo greco romano, Monte stabilì legami commerciali e bellici con Cuma e Miseno. Le tre città diventarono quasi un tutt’uno. Fino all’alto medioevo, Monte di Procida era conosciuta come Monte Miseno. In seguito, con la caduta di Miseno e le successive invasioni barbariche, Monte si legò amministrativamente alla vicinissima isola di Procida. Fu solo nel 1907 che ottenne l’autonomia e, di conseguenza, l’attuale denominazione di “Monte di Procida”.

La leggenda della spiaggia di Acquamorta

In una delle insenature di Monte di Procida, si nasconde la spiaggetta di Acquamorta che accoglie un graziosissimo porto rivolto verso l’isola di Procida. È una meta romanticissima e molto gettonata, soprattutto per la meravigliosa vista che regala all’alba e al tramonto. Il curioso nome deriva da un’antica leggenda legata alle sue origini. Si narra che, in questo luogo, vivessero un pescatore e sua figlia di nome Acqua. Un giorno, la fanciulla si ritrovò in balìa delle onde, rischiando di annegare, ma fu salvata da un giovane pescatore procidano. Da allora, i due si sentirono uniti da un profondo legame e facevano di tutto per potersi incontrare nella piccola spiaggetta nascosta dall’insenatura. Qualche tempo dopo, alla notizia che il suo amato aveva perso la vita in un tragico incidente in mare, Acqua non sopportò il dolore e decise di lasciarsi annegare per ricongiungersi per sempre con lui. Da questa triste e suggestiva leggenda, gli isolani hanno deciso di dare alla spiaggia il nome di Acquamorta, a testimonianza dell’amore che legava i due giovani protagonisti della storia.

Come raggiungere Procida dalla nostra struttura

Al Chiar di Luna è situato proprio a Monte di Procida. L’isola di Procida, sulla quale affaccia la nostra splendida struttura, è facilmente raggiungibile in diversi modi:

  • Dal Porto di Pozzuoli con traghetto. Le corse sono regolari sia d’inverno che d’estate e anche abbastanza frequenti. Le compagnie sono: Medmar, Caremar e Gestur. 
  • Dal Porto di Acquamorta dal quale dista solo 10 minuti di motonave. Le corse sono frequenti d’estate e molto meno frequenti d’inverno. Quindi bisogna informarsi con la compagnia Ippocampo. 
  • Dal Porto di Acquamorta si può raggiungere Procida anche in gommone, motoscafo o barca a vela. Il canale di Procida è molto piccolo e la percorrenza è piacevole.

 

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

SocialS

Categorie

PIÙ LETTI

RESTA INFORMATO

ISCRIVITI ALLA Newsletter

Invii mensili sulle novità dal mondo Al Chiar di Luna.