ventotene

Ventotene, una piccola isola che nasconde grandi tesori

La splendida Ventotene (provincia di Latina) si trova nell’arcipelago pontino, posizionata tra Ischia e Ponza. La piccola isola è un vero e proprio gioiello del Mediterraneo, ricco di storia e paesaggi incontaminati. Selvaggia e lontana dal turismo di massa, Ventotene si presenta come una vera e propria oasi di pace.

Un piccolo paradiso

Ventotene misura circa 2 km quadrati e conta meno di 1000 abitanti. Vero e proprio paradiso per gli amanti del mare, l’isola presenta un paesaggio quasi incontaminato. Le sue dimensioni ridotte le permettono di stare lontana dal fastidioso turismo di massa, mentre si presta perfettamente per coloro che amano godersi immersioni ed escursioni in completa tranquillità. Ventotene, infatti, presenta molte spiagge e calette riparate, alcune delle quali si raggiungono solo via mare, caratterizzato da acque di un blu cristallino da togliere il fiato.

Resti storici

Anche Ventotene, come le isole nelle sue prossime vicinanze, fu colonizzata dai Romani. Le vestigia più rappresentative di questa epoca sono quelle del Porto Romano. È un bacino scavato nel tufo a scopo protettivo: ancora oggi, la struttura è un importante riparo per le imbarcazioni da vento e condizioni metereologiche avverse. Il porto moderno è stato costruito in perfetta armonia con quello Romano. Passeggiando lungo il molo, si notano costruzioni moderne, quali negozi e uffici turistici, situati proprio nella galleria di tufo. Per gli amanti delle immersioni, poi, vale la pena visitare la Pescheria Romana, un complesso di vasche collegate al mare tramite canali. Situata ai piedi del Faro, la Pescheria è raggiungibile anche a nuoto. Tuttavia, la maggior parte della costruzione si trova sott’acqua. Ancora, a pochi minuti a piedi dal centro, si raggiungono le Cisterne Romane, due vasche costruite per la raccolta dell’acqua piovana. Infine, non mancano i resti di sontuose ville romane, tra cui quella dell’Imperatore Ottaviano Augusto.

Il Museo della Migrazione e Osservatorio Ornitologico

Ventotene e la vicina (e disabitata) Santo Stefano formano una eccezionale Area Marina Protetta. In particolare, Ventotene ospita un importantissimo Museo e Osservatorio Ornitologico per l’osservazione e il censimento delle specie di uccelli che migrano dall’Africa all’Europa. La privilegiata posizione dell’isola e l’impegno delle associazioni locali, insieme al supporto di enti governativi, hanno fatto di Ventotene e della vicina Santo Stefano Zone a Protezione Speciale (ZPS) dell’Unione Europea. Il lavoro svolto da questo importante polo museale ha contribuito all’istituzione della Riserva Naturale Terrestre delle due isole.

Cosa mangiare a Ventotene
pescatori ventotene

Prodotti di mare e di terra freschissimi sono alla base della cucina isolana. Dalla loro fusione nascono piatti davvero unici. Ortaggi, legumi, pesce freschissimo ed erbe aromatiche autoctone: le prelibatezze di Ventotene rapiscono tutti i sensi. Tra i piatti tipici, vale la pena provare gli gnocchi di mare, rigorosamente fatti in casa e conditi con pomodorini, ricotta, peperoncino, polpo e gamberi appena pescati. Tra i prodotti tipici, le famose lenticchie di Ventotene, spesso servite in una squisita zuppa: sono tra le varietà più pregiate in Italia. Infine, non mancano gustosi vini locali.

Come raggiungere Ventotene da Al Chiar di Luna

Per una gita o un soggiorno a Ventotene, bisogna raggiungere il porto di Napoli e prendere un aliscafo Snav (normalmente attivo da giugno a settembre) oppure raggiungere Formia e partire con traghetto o aliscafo (normalmente attivo tutto l’anno).

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

SocialS

Categorie

PIÙ LETTI

RESTA INFORMATO

ISCRIVITI ALLA Newsletter

Invii mensili sulle novità dal mondo Al Chiar di Luna.